ITINERARI

prova1
Itinerari

piedi  A PIEDI
BICI  IN BICI
cavalcare  A CAVALLO

“Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto…”
(H.D.Thoreau ‘Walden ovvero Vita nei boschi’)

Vivere la fusione tra la natura e la storia che individua questo territorio vuol dire percorrere il territorio e immergersi nel paesaggio. La rete viaria nata un tempo per abbreviare la distanza tra casali e piccoli centri, percorsa per secoli a piedi dalla popolazione locale e dai pellegrini di passaggio per la Città Santa e oggi recuperata, manutentata e tabellata dalla Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana, si offre a chi si mette in esplorazione di queste zone a piedi, a cavallo o in mountain bike. Le due direttrici più importanti sono: la “traversata dei due laghi” (via Romea) e l’anello dell’Orvietano. Quelli indicati sono alcuni itinerari ad anello di bassa e media difficoltà, percorribili tutti in mezza giornata, e che lungo le due direttrici, permettono partenza e ritorno nello stesso luogo. I percorsi consentono di unire la conoscenza delle diffuse emergenze storiche (che vanno dall’età del Ferro al Rinascimento) alla conoscenza di un ambiente naturale rimasto quasi inalterato. Ogni percorso si sviluppa su vari tipi di strade, dai sentieri ufficiali a segmenti di carrarecce, strade interpoderali e mulattiere: questo comporta, è bene sottolinearlo, che la maggior parte degli itinerari presentati non sia completamente segnalato, e quindi non ben riconoscibile, in loco. Si consiglia quindi di rivolgersi alle guide escursionistiche locali che potranno anche facilitare l’individuazione della varie emergenze storico-naturalistiche e fornirne descrizione adeguata.