ITINERARI IN BICI

bici
Itinerari

BICI IN BICI

TodiBICI DA TODI A CORBARA
Punto di Partenza: Pontecuti (Todi)
Punto di Arrivo: Corbara
Distanza: 34 km
Dislivello: 650 metri
Difficoltà: difficile
Fondo stradale: asfalto/sterrato
Bici consigliata: ibrida, mtb
Descrizione percorso: Partenza Pontecuti, superare il ponte sul Tevere e poi girare a sinistra in direzione di Orvieto e proseguire per circa 300 metri (occhio al traffico!). Girare a destra in direzione di Prodo, inizio salita. Proseguire a sinistra in direzione di Orvieto. Quadro, proseguire diritti. All’incrocio (KM 10,9) proseguire a sinistra in direzione di Orvieto. Fine salita. All’incrocio (KM 13) proseguire a destra verso Orvieto. Proseguire sulla strada principale in direzione di Orvieto. Prodo. Inizio salita. Lasciare l’asfalto e girare a sinistra in direzione di Osa. Fine salita, inizio sterrato. Osa, superato il paese proseguire sulla destra ancora in discesa. Prestare attenzione, discesa molto ripida. Fine discesa, fine sterrato. Proseguire a destra. Breve salita di 100 metri ma con pendenze impegnative. Breve salita di 200 metri ma con pendenze impegnative. Girare a sinistra e scendere in direzione di Corbara. Corbara, (KM 34) fine itinerario.

Impegnativa e faticosa ma paesaggisticamente affascinante, la passeggiata da Todi a Corbara offre scorci di grande bellezza ed è interessante anche da un punto di vista naturalistico. Buona parte del percorso si sviluppa, infatti, sulle colline tra il lago di Corbara e il Monte Peglia, luoghi ancora incontaminati e di impareggiabile fascino. Da queste colline si scorge il profilo frastagliato del lago di Corbara, bacino artificiale creato negli anni Cinquanta, in seguito alla costruzione di una diga di sbarramento del Tevere, che ha la funzione di regolare il regime idrico del fiume e di alimentare una centrale idroelettrica, posta in località San Lorenzo. È ritenuto dai pescatori sportivi uno dei più interessanti laghi del centro Italia e ha dato vita a un ecosistema unico dal punto di vista ambientale, diventando anche un’importante riserva ornitologica (tra le numerose specie: il germano reale, la moretta, l’airone cinerino e il martin pescatore). Lungo il percorso sono da visitare il castello di Prodo e la Tenuta di Corbara, mentre dalla parte opposta del lago abbiamo Civitella del Lago, borgo famoso per la sua posizione panoramica.


lago-di-corbaraBICI IL LAGO DI CORBARA E LE FORESTE DEL MONTE PEGLIA
Partenza e arrivo: Orvieto
Distanza: 40,5 km
Dislivello: 1.000 metri
Difficoltà: difficile
Fondo stradale: 45% sterrato, 55% asfalto
Da vedere in zona: Orvieto, Corbara, Lago di Corbara, Monte Peglia
Descrizione percorso: È un percorso piuttosto scorrevole, non presenta tratti particolarmente tecnici o sconnessi, ma il livello è tuttavia difficile per il chilometraggio elevato (40 chilometri) e le due impegnative salite che lo caratterizzano.
Orvieto, l’interno del Parco Fluviale del Tevere, ricco di bellezze naturalistiche racchiuse tra il lago di Corbara ed i fitti boschi che ricoprono le pendici del Monte Peglia: questo l’itinerario.
Si parte dal parcheggio antistante la funicolare che da Orvieto Scalo porta ad Orvieto centro, a pochi metri dalla stazione ferroviaria, per adattarsi anche alla soluzione treno+bici. Dal parcheggio della funicolare e superato il sottopassaggio dell’autostrada ci muoviamo verso Ciconia. Alla prima rotonda proseguiamo verso il Monte Peglia, mentre al chilometro 1,3 giriamo a destra verso Corbara.
Affrontiamo alcuni sali scendi su asfalto fino al chilometro 5,5, quando giriamo a sinistra su uno sterrato ben battuto ed iniziamo la prima vera salita, lungo la quale si può godere di belle visuali su Orvieto. La salita termina al chilometro 9,4, quando giriamo a destra ed imbocchiamo una veloce discesa che termina al chilometro 13, in corrispondenza della strada asfaltata.
Qui giriamo a sinistra, superiamo il piccolo borgo di Corbara e proseguiamo diritti costeggiando il lago per diversi chilometri. Torniamo sullo sterrato solo al chilometro 19,3, quando svoltiamo a sinistra ed iniziamo la seconda salita della giornata, che vede nelle prime rampe proprio il tratto più impegnativo.
Ci addentriamo nella parte più bella e suggestiva del percorso, giungendo al borgo disabitato di Osa al chilometro 21. Da qui proseguiamo ancora in leggera salita tra i boschi e ammiriamo panorami meravigliosi. Ritroviamo l’asfalto al chilometro 26, quando giriamo a sinistra ed in circa 3 chilometri arriviamo a Colonnetta, da dove iniziamo a scendere. Al chilometro 29,7 abbandoniamo l’asfalto ed imbocchiamo un veloce sterrato che ci porta rapidamente verso valle. La discesa è intervallata da alcuni brevi tratti di asfalto e da brevi ma impegnativi strappetti. Alcuni punti permettono di osservare Orvieto e distinguere all’orizzonte il profilo del Duomo. Qui, prima di tornare al punto di partenza, una sosta per ammirare il panorama è d’obbligo.
Terminata la discesa torniamo al punto di partenza in meno di 2 chilometri seguendo le indicazioni per Orvieto.