Felcete

Per questo percorso è necessario scaricare la mappa sul proprio mobile o Gps.

Felcete è una struttura ricettiva al momento in disuso. E’ raggiungibile in auto da Ripalvella, lungo la strada che conduce ad Ospedaletto; le indicazioni stradali sono presenti.

Questo doppio anello insiste sui due versanti opposti del Torrente Faena delle Felcete, il quale anticamente era confine tra il Tuderte e l’Orvietano, per molti secoli nemici. Noi attraverseremo due volte il Torrente, che nel Medioevo era un vero e proprio confine.

Tra i due casali di Felcete, troviamo una strada a sinistra in discesa (verso Nord) che seguiamo fino a valle, dove proseguiamo a destra (verso Sud Est) costeggiando un laghetto artificiale; seguiamo la traccia che ora piega verso Est e costeggia il Torrente; troviamo un quadrivio e proseguiamo sempre verso Est.

Non lasciando mai la traccia, notiamo che questa piega verso Nord, raggiunge Podere Caserelle (struttura ricettiva sulla nostra destra) diventando imbrecciata e, in salita, proseguiamo in direzione Nord / Nord Ovest. Una volta giunti al termine della salita troviamo i ruderi di Podere Moschiano sulla destra e, poco dopo, un bivio al quale dobbiamo piegare a sinistra (verso Sud) lungo una stradina dalla quale si domina tutta la valle. Se facciamo attenzione, possiamo vedere sotto i nostri piedi, per brevi tratti, una sorta di pavimentazione (segno inequivocabile della presenza antica di notevole transito).

Questa ci porta al quadrivio che abbiamo incontrato poco dopo aver lasciato il laghetto. Qui proseguiamo diritti guadando il Torrente, poi in salita raggiungiamo la valle di un affluente; la strada lo costeggia a lungo, poi inizia a salire verso destra (notare sulla sinistra Podere Pian di Caccia in bella posizione dominante sulla cima della collina), rientriamo nel bosco fino a trovarci ad un quadrivio.

Qui si suggerisce, prima di proseguire verso Felcete, di girare a destra (verso Est) per raggiungere, in poche centinaia di metri e in piano, i ruderi di Podere Frattuccia, da qui si gode di un panorama a 360°. Tornati indietro, al quadrivio giriamo a destra (verso Nord Ovest) e, seguendo sempre l’unica traccia, guadiamo di nuovo il Torrente Faena delle Felcete per poi trovarci al nostro punto di partenza, Felcete.

Scarica