San Venanzo Cornia

Per questo percorso è necessario scaricare la mappa sul proprio mobile o Gps.

Presenta due brevi tratti in cui è necessaria la massima attenzione nell’individuare la direzione giusta, ma se abbiamo con noi la mappa scaricata sul nostro device, non avremo problemi.

Si parte da Via Gorizia, a San Venanzo (stiamo calpestando una delle due vie che, nell’antichità, si dipanavano verso Nord da San Venanzo; pur essendo molto ripida, questa via era molto usata e frequentata) e, dopo poche centinaia di metri ci troveremo una casa colonica sulla destra; proprio al termine della casa, sul lato opposto della strada, troviamo una strada di terra in discesa (spesso bisogna superare una bassa recinzione per gli animali). Questa ci porterà a raggiungere il Fosso della Fuga, che attraverseremo seguendo sempre l’unica traccia presente (attenzione a richiudere sempre i cancelli per gli animali). Ora siamo in salita e, in breve, usciremo dal bosco e procederemo diritti davanti a noi sul campo coltivato fino a raggiungere una strada di terra, che prenderemo verso destra (Nord-Est) e, pochi metri dopo, avremo il rudere di Podere Cervella di fronte a noi. Appena superata questa costruzione, prenderemo in discesa verso sinistra (Nord).

Dopo aver percorso 1,7 km dall’inizio ci troveremo di fronte un bivio in cui la strada più evidente è quella giusta e procede in direzione Nord Est in pianura ( per un tratto breve, poi in discesa). Ora ci troviamo a seguire una traccia a mezza costa; poi diventa di crinale, in netta discesa. Giunti al Fosso del Trombone, guadiamo verso sinistra (Nord) e proseguiamo in salita, usciamo dal bosco seguendo sempre la traccia, ci rientriamo brevemente per poi trovarci ancora campi coltivati ai nostri lati; siamo nella zona denominata Chiasci e, seguendo sempre la strada, raggiungeremo una via più larga ed importante: si tratta della strada che collega San Venanzo con Poggio Aquilone. Prendiamola verso destra (Nord) raggiungendo la Statale. Da qui, a destra verso Sud / Sud Est, siamo di nuovo a San Venanzo.

Scarica