I BORGHI

BORGHI
I-borghi


CIVITELLA DEI CONTI
COLLELUNGO
OSPEDALETTO
POGGIO AQUILONE
PORNELLO
RIPALVELLA
ROTECASTELLO
SAN MARINO
SAN VITO IN MONTE

Come in altre parti d’Italia, la prima conformazione a borghi fortificati che, insieme a torri e castelli, caratterizza il territorio dei comuni di Montegabbione e S. Venanzo, risale alla fine dell’Impero romano. Per sfuggire alle invasioni barbariche, che si susseguirono dal IV secolo in avanti, le popolazioni si rifugiarono sulle alture dove insieme alle case eressero, per difendersi, fortificazioni, torri e mura. Cessate le invasioni barbariche rocche e borghi fortificati non persero la loro ragione di esistere, al contrario, alcuni furono abbandonati, altri ne nacquero a far da reticolo alle guerre locali per il controllo di un territorio di grande importanza strategica posto fra Orvieto, Perugia e Todi. Guerre fra comuni, come quelle fra Orvieto e Perugia, contese fra famiglie, come quella fra i Filippeschi e i Montaldeschi, e fazioni contrapposte, come i guelfi (sostenitori del papa) e i ghibellini (sostenitori dell’imperatore).